Home >
festival internazionale cinema di frontiera festival internazionale cinema di frontiera festival internazionale cinema di frontiera festival internazionale cinema di frontiera festival internazionale cinema di frontiera

“…frontiera, non come territorio ai margini, ma come la parte situata di fronte…Cinema di Frontiera non cinema di periferia, cascame di un cinema dominante, centripeto, che si difende; bensì un cinema che si interroga, che guarda all’altro da sé,aperto al nuovo. Un Cinema che sia punta avanzata verso l’esterno, avamposto e non retroguardia. Cinema di Frontiera inteso nel suo valore simbolico, oltre che geografico nell’accezione più ampia del termine.Frontiere territoriali, culturali, ma anche dell’anima e dei linguaggi; punto d’incontro tra passato, presente e fututro. Frontiera non come limite, confine, ma finestra sull’universo, sugli universi circostanti e opposti.Cinema interculturale che cerca i caratteri congiungenti tra i popoli più che quelli divisori.

E’ questo il Cinema di Frontiera…”

Nello Correale

Ideatore e direttore artistico

home

Pagare prima i fornitori del festival

Apprendiamo che sono in corso alcune iniziative con l’obiettivo di realizzare il Festival Internazionale del Cinema di Frontiera nell’anno in corso. Cenaco e Cinecircolo Festival del Cinema di Frontiera  (ndr. NON SIAMO NOI) dovrebbero assicurarne l’organizzazione. Sebbene tali iniziative non coinvolgono il Cinecircolo Baia delle Tortore che ha prodotto tutte le edizioni della manifestazione, ininterrottamente dal 2001 al 2011, assicurandone il regolare svolgimento, corre l’obbligo far presente quanto segue:

Apprendere che qualcuno, enti pubblici o privati, si adoperi per mantenere in vita il Festival, ci può fare solo piacere. La manifestazione (non e’ più una novità) riveste grande importanza per il territorio in cui si svolge. Ben vengano, quindi, tali iniziative e che tali iniziative vengano supportate economicamente anche dal Comune di Pachino a condizione che il Comune di Pachino prima paghi i nostri fornitori.

Com’e’ noto, il Comune di Pachino deliberò un impegno di spesa di euro 40.000,00 per la realizzazione del Festival 2011, che venne anche posta regolarmente in liquidazione dal dirigente comunale al ramo, già a Settembre dello stesso 2011. Il pagamento di tale somma è stato effettuato per euro 25.000,00 solo ad Agosto del 2012 e ci venne assicurato che i restanti euro 15.000,00 sarebbero stati pagati a giorni. Impegno dichiarato pubblicamente dall’allora assessore al ramo Miceli in una pubblica riunione dell’epoca. Le date del Festival subirono per tale motivo uno slittamento prima a settembre poi a dicembre dello stesso anno 2012. Ma l’amministrazione Bonajuto promise ma non ha mantenuto tale impegno.
Anzi a dicembre 2012, abbiamo appreso per bocca dell’allora assessore Tossani che, in risposta ad un’interrogazione del consigliere Roberto Bruno, l’amministrazione Bonaiuto non avrebbe fatto fronte al promesso pagamento eccependo fantomatiche e pretestuose irregolarità nella rendicontazione  delle spese presentata dalla nostra associazione più di un anno prima. A gennaio 2013, il Cinecircolo nella persona del suo Presidente, Turi Pintaldi, è stato costretto a querelare per diffamazione aggravata, l’assessore Tossani, affidando alla magistratura il compito di fare chiarezza ed avere giustizia su quanto accaduto.

Ciò detto, se il Comune di Pachino intende supportare economicamente una nuova edizione del Festival Internazionale del Cinema di Frontiera che l’Ente paghi prima i nostri fornitori.
In difetto, avendo il Cinecircolo Baia delle Tortore prodotto tutte le edizioni del Festival si troverà costretto a far valere i suoi diritti nelle sedi opportune per tutelare i suoi fornitori che da due anni attendono di essere pagati a causa dei comportamenti assunti dall’ amministrazione Bonaiuto.

Cinecircolo Baia delle Tortore
crack software using keygen | free music for phone | free movies and tv shows | download free 3gp games
main sponsor
con il patrocinio di